A- A+
Politica
Primarie Pd: anche Benifei sostiene Bonaccini, nervi tesi sul voto online

Il Pd e l'estinzione dell'opossum


La querelle in casa Pd è finita esattamente come anticipato da affaritaliani.it, ovvero con un accordicchio dell'ultimissima ora che ha evitato una troppo plateale spaccatura in direzione. La proposta di Schlein sul voto online è stata sostanzialmente respinta, col contentino delle eccezioni per chi ha problemi vari e che tuttavia deve illustrarli entro 15 giorni dal voto. Ovvero subito, perchè, come vi avevamo detto, le primarie si svolgeranno il 26 febbraio. Non ne è uscita troppo contenta lei, ma nemmeno De Micheli, che non ha partecipato in segno di protesta. E, trattandosi di una candidata alla segreteria, non è certo un dettaglio.

Il successore di Letta sarà quindi scelto due settimane dopo il voto alle regionali in Lazio e Lombardia, due partite di estrema difficoltà. Tra i sostenitori di D'Amato prevale lo sconforto, dopo il definitivo rifiuto del M5S a un accordo contro un avversario (Rocca) non imbattibile, ma che gioca in una squadra decisamente più coesa. Quelli di Majorino contano invece sul voto disgiunto per provare a giocare un brutto scherzo al favorito Fontana: Moratti è molto indietro in tutti i sondaggi e i suoi potenziali elettori potrebbero optare per il “voto utile”, che difficilmente andrebbe al centrodestra, visto che questa candidatura nasce proprio da una rottura in seno all'attuale maggioranza. D'altra parte, la fregola con la quale a Milano si discute di questioni divisive proprio in campagna elettorale (dalla demolizione di San Siro al limite di 30 km/h, passando per il pagamento della sosta esteso ai residenti e persino per l'ipotesi di privatizzazione della M4), sta creando qualche malumore. Davvero non si poteva aspettare un momento migliore? E' in programma l'armageddon e nessuno lo sa?

Il clamoroso sondaggio di affaritaliani.it che evidenzia le critiche al governo Meloni sul caro-benzina rimescola un po' le carte in tavola e bisognerà vedere se nell'ultimo mese la campagna elettorale del centrodestra in Lombardia punterà più sull'immagine della Premier o su quella di Fontana che mira a un secondo mandato. In ogni caso, l'esito delle regionali – entrambe - rappresenta un'altra incognita in un percorso politico piuttosto accidentato. 

Per quanto del merito delle proposte si possa discutere (ormai online facciamo tutto), è lunare che si sia arrivati solo ora a parlare delle regole di un congresso atteso fin dal 25 settembre.

CONGRESSO E PRIMARIE PD: LEGGI IL REGOLAMENTO UFFICIALE

Abbiamo più volte pungolato il Pd a reagire alla disfatta elettorale aprendo una riflessione politica, invece che insistere sulla tanatosi, la tecnica dell'opossum che si finge morto per ingannare i predatori. Invece che offendersi, i dirigenti Dem avrebbero potuto fare qualcosa di concreto per dare un senso all'aggettivo “costituente”, appiccato a forza al termine “congresso”. Dove sta la differenza con un congresso ordinario? Qualcuno ha sentito parlare di piattaforme programmatiche, se non proprio di quella “rivoluzione” che anche i sassi capiscono essere necessaria per rilanciare un partito tuttora sotto choc? Il paragone con i socialisti francesi lo hanno fatto già in molti ed è opinione largamente condivisa che, proseguendo su questa strada, l'opossum di cui sopra rischi l'estinzione.

In contrasto con l'ostinato silenzio dietro il quale si sono trincerati tutti i capicorrente, sia sui temi interni al Pd che sulle mosse del governo, prosegue con vivacità il risiko dei riposizionamenti. Benifei ha sciolto la riserva, ufficializzando quel sostegno a Bonaccini che peraltro era anch'esso stato ampiamente anticipato dal nostro giornale. Nella squadra del Presidente dell'Emilia-Romagna restano ormai solo posti in piedi, visto che ormai gli schieramenti si vanno consolidando. C'è anche chi, come Rosy Bindi e Vasco Errani, fondatori dell'associazione “Idee per la sinistra”, ha annunciato di non voler scegliere tra i candidati in corsa. Al Nazareno ci si augura che non troppi elettori seguano il loro esempio: una partecipazione troppo bassa sarebbe l'ennesimo colpo a un'immagine già piuttosto offuscata.

 

 

risiko pd
 
Iscriviti alla newsletter
Tags:
brando benifeielly schleinprimarie pdstefano bonaccini





in evidenza
Il "Gioco dell'oca" diventa leghista C'è la casella Stop utero in affitto

Europee/ L'idea di Lancini

Il "Gioco dell'oca" diventa leghista
C'è la casella Stop utero in affitto


in vetrina
Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove

Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove


motori
Vespa World Days 2024: oltre 30mila vespisti convergono a Pontedera

Vespa World Days 2024: oltre 30mila vespisti convergono a Pontedera

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.