A- A+
Esteri
Nord Stream, Nato: "Risponderemo agli attacchi". Tensioni tra Alleati e Mosca

Danno ai gasdotti Nord Stream 1 e 2. La Nato tuona: "Risponderemo agli attacchi". Ma Mosca nega e accusa gli States

La Nato prende posizione sul caso Nord Stream. I due gasdotti (Nord Stream 1 e 2), da cui arriva la maggior parte del gas in Europa, hanno subito gravi danni che potrebbero portare alla loro chiusura definitiva. Per ora, le cause dei suddetti danni e di perdite catastrofiche in termini di materia prima, sono ancora un mistero.

Perdite, queste, che sarebbero quattro e non tre come sostenuto precedentemente: a riferirlo è stata la Guardia Costiera svedese, secondo cui due di queste si troverebbero nella zona economica svedese.

La Nato: "Risponderemo agli attacchi alle infrastrutture degli alleati"

Intanto, mentre procedono le indagini, la Nato ha annunciato che è pronta “a rispondere unita e con determinazione a qualsiasi attacco deliberato contro le infrastrutture critiche degli alleati. Il danneggiamento dei gasdotti Nordstream 1 e Nordstream 2 nelle acque internazionali del Mar Baltico desta profonda preoccupazione: tutte le informazioni attualmente disponibili indicano che si tratta del risultato di atti di sabotaggio deliberati, sconsiderati e irresponsabili”, si legge nella nota del Consiglio Atlantico, sottoscritta anche da Svezia e Finlandia, alleati entranti.

Danni a Nord Stream 1 e 2, l'accusa alla Russia

Secondo la Cnn, due funzionari dell'intelligence europea hanno osservato che lunedì e martedì navi di supporto della Marina russa erano in prossimità delle falle nei gasdotti Nord Stream. Nessuna conferma sulla colpevolezza delle navi sovietiche riguardo le esplosioni avvenute negli scorsi giorni, hanno detto le fonti, ma è uno dei tanti fattori che gli investigatori esamineranno.

Le accuse di Mosca agli Usa

E mentre l’Europa trova il colpevole dei danni nella Russia, Mosca rispedisce indietro il colpo. La portavoce del ministero degli Esteri, Maria Zakharova, ha sostenuto che gli incidenti al largo delle coste della Danimarca e della Svezia si sono verificati in un territorio che è “pienamente sotto il controllo delle agenzie di intelligence statunitensi. È successo nelle zone commerciali ed economiche di Danimarca e Svezia. Sono Paesi che gravitano attorno alla Nato, Paesi che sono completamente controllati dai servizi di intelligence statunitensi".

A stretto giro interviene anche il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov che bolla gli incidenti ai gasdotti come "un atto terroristico, probabilmente di un paese straniero". Sulle notizie che parlano di truppe russe nell'area: “Sono notizie distorte, sono state viste molte più truppe della Nato nell'area".

Ucraina, Putin annette le quattro regioni occupate

DonetskLuganskCherson Zaporizhzhia si preparano a essere annesse alla Federazione russa. La cerimonia di firma dei trattati sull'annessione di nuovi territori alla Russia si terrà domani, venerdì 30 settembre, alle 15 ora locale al Cremlino e vi prenderà parte il capo di stato Vladimir Putin. Lo ha affermato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, come riporta l’agenzia di stampa sovietica Ria Novosti.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    natonord stream





    in evidenza
    Chiara Ferragni da Fazio: "Travolta dall'odio social. Con Fedez vera crisi, ma..."

    L'intervista sul Nove

    Chiara Ferragni da Fazio: "Travolta dall'odio social. Con Fedez vera crisi, ma..."

    
    in vetrina
    Chiara Ferragni da Fazio: i meme più divertenti sull'intervista

    Chiara Ferragni da Fazio: i meme più divertenti sull'intervista


    motori
    RAM Trucks & Pol Tarrés: avventure "Boundless"

    RAM Trucks & Pol Tarrés: avventure "Boundless"

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.