I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lampi del pensiero
Criticare Bibbiano non è possibile, pena l'essere etichettati come "retrogradi" dal Pd

Risulta sempre istruttivo il contegno del Pd, partito che al meglio esprime gli interessi della classe dominante liquido-finanziaria. In particolare, il Pd si è infuriato per lo spettacolo di denuncia di Bibbiano che ci accingiamo a rappresentare ad AREZZO (9 gennaio) e a SIENA (16 gennaio). Il Pd di Arezzo ha obiezioni altamente culturali: "Pd: “chi paga il cachet di Diego Fusaro?”" (https://www.arezzoweb.it/2020/pd-chi-paga-il-cachet-di-diego-fusaro-486212.html). Obiezioni che fanno impallidire l'acume speculativo di un Platone o di uno Spinoza, insomma. Per parte sua, il segretario Pd di Siena, Massimo Roncucci, ha parlato di "manifestazioni retrograde" (https://www.sienanews.it/toscana/siena/fusaro-socci-diego/).

In sostanza, criticare Bibbiano non è possibile, pena l'essere etichettati come "retrogradi". Ciò significa che è sulla giusta via chi invece approva Bibbiano, domando? O chi tace (e acconsente)? Ovviamente, da veri uomini di cultura e di sensate esperienze, questi novelli soloni criticano l'opera di denuncia teatrale su Bibbiano senza averla vista, dato che in Toscana va in scena oggi 9 gennaio la prima volta.

Si può - domando - criticare un libro o uno spettacolo senza averlo visto? No, direte ragionevolmente voi. La critica deve essere fondata, e per esserlo deve conoscere l'oggetto criticato. Di altro avviso, tuttavia, è la signora Giulia Mazzarelli, di "Donne democratiche Siena": "Non c’è bisogno di vederlo per capire quale è il messaggio reazionario che contiene" (https://www.sienanews.it/toscana/siena/fusaro-socci-diego/). "Donne democratiche di Siena", ovviamente: democratiche a tal punto da criticare senza conoscere, da stroncare senza aver esperito, da disapprovare in via pregiudiziale. "Democratiche" in quale senso, di grazia? Quale sarebbe, domando, il "messaggio reazionario"? Che i bambini abbiano diritto ad avere un padre e una madre? Che il diritto del consumatore capriccioso non può venire prima rispetto al diritto del bambino? Bene, se questo è un "messaggio reazionario", lo rivendichiamo.

Diego Fusaro (Torino 1983) insegna storia della filosofia presso lo IASSP di Milano (Istituto Alti Studi Strategici e Politici) ed è fondatore dell'associazione Interesse Nazionale (www.interessenazionale.net). Tra i suoi libri più fortunati, "Bentornato Marx!" (Bompiani 2009), "Il futuro è nostro" (Bompiani 2009), "Pensare altrimenti" (Einaudi 2017).

IMG 20180131 WA0000
 

Loading...
Commenti
    Tags:
    diego fusaropdbibbianopd bibbiano
    Loading...
    in evidenza
    "Perché Salvini merita rispetto" Il libro fatto di sole pagine vuote

    Best Seller su Amazon

    "Perché Salvini merita rispetto"
    Il libro fatto di sole pagine vuote

    i più visti
    in vetrina
    Grande Fratello Vip 5, Gregoraci-Cannavò: durissima lite. E la casa si spacca

    Grande Fratello Vip 5, Gregoraci-Cannavò: durissima lite. E la casa si spacca


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    La tecnologia Bosch a bordo della nuova Maserati Ghibli

    La tecnologia Bosch a bordo della nuova Maserati Ghibli


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.