A- A+
Esteri
Legislative Francia, Macron già anatra zoppa. Il suo flop affossa anche l'Ue
(Fonte immagine: La Presse) 

Macron flop alle elezioni legislative. Ora cerca l'accordo coi Repubblicani, che però lo snobbano

Doveva esserne il re, rischia di esserne il killer. Emmanuel Macron rischia di non essere l'unico sconfitto delle elezioni legislative francesi. Con lui anche l'Unione europea può subire contraccolpi non da poco, soprattutto in un momento così delicato dopo la guerra in Ucraina nel quale servirebbe una mano forte. Dopo l'uscita di scena di Angela Merkel, tutti pensavano sarebbe toccato proprio a lui, ma Macron ha di fronte cinque anni che si preannunciano pieni di problemi più che di opportunità.

Le Figaro è lapidario: "Macron, lo spettro di un quinquennio nato morto", recita il titolo dell'editoriale post voto firmato dal direttore Alexis Brézet, che analizza a caldo l'esito della tornata elettorale in Francia, dalla quale il Presidente Emmanuel Macron è uscito senza la maggioranza assoluta. "Nulla ha aiutato. Né gli appelli tardivi per la "spinta repubblicana" lanciata dal Presidente della Repubblica, né la sua scappatella ucraina cucita con filo bianco. E non parliamo di queste strane invettive di Elisabeth Borne contro l'"estrema destra", mentre l'estrema sinistra era alle porte! Questa volta, la strategia del "voto utile" non ha funzionato".

"Specchio invertito delle elezioni presidenziali, questo secondo turno di elezioni legislative assomiglia furiosamente a un referendum anti-Macron", osserva Brézet. Quello che emerge è una quadro politico dove gli estremi "non sono mai stati così potenti: Nupes, ovviamente, ma anche Rn, la cui svolta storica è l'altra sorpresa. Per quanto riguarda la destra, seppur in ritirata, riesce a limitare la rottura meglio di quanto avrebbe potuto sperare". Notevole, infatti, l'impresa di Marine Le Pen, che ha portato il Rassemblement National da 8 seggi a 90. Diventa quindi lei la prima oppositrice di Macron se si considerano i seggi dei singoli partiti, dal momento che La France Insoumise di Me'lenchon ne ha 84.

Macron perde ministri e alti collaboratori, Le Pen prima rivale

Le conseguenze sul governo Macron saranno notevoli. Sui 15 esponenti di governo candidati alle elezioni legislative francesi, al momento due non sono stati eletti deputati e dovranno dunque dimettersi, come prevede la consuetudine. Si tratta della ministra della Salute, Brigitte Bourguignon, e della sottosegretaria con delega per il mare, Justine Benin. Sconfitti poi anche il presidente del gruppo LREM di Macron, Christophe Castaner, che nelle Alpes-de-Haute-Provence dovrà cedere il posto al rivale di Nupes Léo Walter; e il presidente dell'Assemblea nazionale, Richard Ferrand, battuto dall'avversaria di Nupes Mélanie Thomin nel Finistère.

"Questa situazione costituisce un rischio per il nostro Paese in vista delle sfide che dobbiamo affrontare, sia a livello nazionale che internazionale", ha detto in tarda serata la premier Élisabeth Borne. "Lavoreremo da domani per costruire una maggioranza d'azione" e "dovranno essere costruiti dei buoni compromessi", ha aggiunto. Un terremoto politico che Macron proverà a tamponare cercando degli accordi, per esempio con i Repubblicani. Ma i gollisti hanno già fatto sapere che intende restare all'opposizione.

La batosta, come detto, rischia di avere pesanti ripercussioni anche sull'Europa. Orfana di Merkel, Bruxelles dovrà fare i conti anche con un Macron distratto dalle trame di corte parigine, probabilmente impossibilitato a raccogliere lo scettro che fu della cancelliera e che ora rischia di restare invece vacante. Proprio mentre Vladimir Putin minaccia il fianco orientale dell'Europa, e mentre Joe Biden è in pressing per chiedere maggiore fedeltà.

Leggi anche:

Dalla Fed all'immobiliare Usa fino all’indice Pmi: i trend della settimana

Sanzioni, Milano in ginocchio: i risparmiatori italiani perdono più dei russi

Schlein - Meloni: “Giorgia è figlia del patriarcato. Vedo solo odio in lei"

M5s, consiglio nazionale d'urgenza. Nel pomeriggio il processo a Di Maio

Lecce, uccide la moglie a coltellate e poi si suicida: emergenza violenza

Cristiano Ronaldo alla Roma con Mourinho: i tifosi giallorossi sognano lo scudetto

Ultime notizie di gossip 19 giugno 2022 – Affaritaliani

Vanessa Incontrada, il pubblico di Napoli le canta "Sei bellissima"

Gruppo Sella, al via una nuova sottoscrizione del “Btp Italia”

Gruppo Cap, inaugurato il nuovo headquarter a emissioni zero

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    legislative franciamacron





    in evidenza
    Vittime e carnefici, qualcosa sta cambiando: l'intervento del direttore Perrino su Ore 14

    MediaTech

    Vittime e carnefici, qualcosa sta cambiando: l'intervento del direttore Perrino su Ore 14

    
    in vetrina
    A Milano apre Avani Palazzo Moscova: un nuovo hotel "illumina" Porta Nuova

    A Milano apre Avani Palazzo Moscova: un nuovo hotel "illumina" Porta Nuova


    motori
    Kia EV9 Illumina la Norvegia con un sole artificiale

    Kia EV9 Illumina la Norvegia con un sole artificiale

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.