A- A+
Sport
Calcio: la Lega Serie A pensa a due media company per gestire i diritti tv
Una fase del derby tra Milan e Inter, prime due classificate dello scorso campionato

Caos diritti tv? Così le squadre provano a gestirli in proprio

La spinosa questione dei diritti tv del calcio continua a tenere banco. Dopo le polemiche sull’aumento delle tariffe da parte di Dazn e il “contropiede” di Tim Vision, le società di Serie A intendono dare vita a due media company, per gestire al meglio quello che rappresenta il principale asset del pallone: la sua spendibilità in tv.

La scelta dei due nuovi soggetti, spiega MF - Milano Finanza, nasce da una strategia nella quale la prima new-co sarebbe la titolare al 100% dei diritti televisivi, mentre la seconda si occuperebbe della distribuzione. Dal punto di vista della governance, la differenza fondamentale è che la prima media company sarebbe controllata al 100% dalla Lega Serie A (seppure con un’amministrazione), mentre la seconda sarebbe aperta all’ingresso di altri soci.

In questo modo, le squadre di calcio puntano a riaprire le trattative con tutti i fondi di private equity interessati all’operazione, ma senza perdere la titolarità dei diritti. Se questa è la nuova priorità del calcio italiano, che non sta passando il miglior momento della sua storia, sullo sfondo rimane la questione della vendita dei diritti in Medio Oriente e Africa: diverse società di Serie A sono infatti perplesse di fronte all’ipotesi di vincolarsi per cinque anni con Abu Dhabi, che ha messo sul piatto un’offerta da cinque milioni di euro a stagione.

Anche esercitando la facoltà di recesso da parte delle squadre dopo i primi tre anni, infatti, permane un disallineamento rispetto alle concessioni per l’Italia e altri mercati internazionali, che giungeranno a scadenza nel giugno 2025. Per allora, la Serie A intende creare non solo le due media company, ma anche il corporate media più volte annunciato e sempre rinviato: una tv ufficiale della Lega che potrebbe far terra bruciata dei player al momento in corsa.

Strategie complesse e tuttavia necessarie per centrare un obiettivo difficile: colmare il gap che vede l’Italia solamente quarta in Europa per il valore dei diritti televisivi del campionato nazionale, nettamente superata non solo dalla capoclassifica, la Premier League inglese, ma anche dalla Liga spagnola e della Bundesliga tedesca. E il crollo della nazionale azzurra, con il secondo flop mondiale consecutivo, di certo non aiuta a rilanciare l’immagine del nostro calcio.

 

 

 

 

 

Leggi anche: 

Meloni da oggi dà le carte. Come cambia il Centrodestra dopo le elezioni

Governo, crisi vicina dopo le elezioni. Tensioni in aumento. Inside

Lega "comunista" e anti-Ue dopo il ko ai referendum. Svolta Salvini

Le elezioni comunali rilanciano il proporzionale. Ecco perché

Guerra, da Draghi a Sallusti: tutti difensori a oltranza di Usa e Zelensky

Freda, il secondo Ceo più pagato negli Usa è italiano: maxistipendio da 66 mln

Via Bolla Milano, nel Bronx d'Italia comandano gli occupanti. VIDEO INCHIESTA

Elodie madrina atomica del Pride 2022: il miniabito rosa infiamma il web. FOTO

Non è L’Arena, è scontro tra Giletti e Sallusti: “Tu da che parte stai?”. VIDEO

Enel, lanciato il nuovo sito che racconta 60 anni di storia

ByTek: dall'acquisizione di Adority nasce Retention AI

Fs, riapre un tratto dell’anello ferroviario di Roma

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    calciocorporate mediadiritti tvlega serie amedia company




    in evidenza
    Caso gioielli, Scotti punge Fagnani: “Belva addomesticata? Devi fare i nomi”

    La conduttrice vs Striscia la Notizia

    Caso gioielli, Scotti punge Fagnani: “Belva addomesticata? Devi fare i nomi”

    
    in vetrina
    Affari in Rete

    Affari in Rete


    motori
    Lamborghini Urus SE: l'icona dei super SUV diventa ibrida

    Lamborghini Urus SE: l'icona dei super SUV diventa ibrida

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.