I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lampi del pensiero
Green Pass: l'umanità ha disperato bisogno di uomini come Fabrizio Masucci
Green Pass 
IPA

Non conosco di persona Fabrizio Masucci, direttore del museo di Cappella Sansevero, tra i più importanti e conosciuti di quel tempio maestoso di cultura, identità forte e civiltà classica che è Napoli. Mi sento però di dire che uomini come lui, con i loro gesti, nobilitano l'intera categoria del genere umano. E ci segnalano che, anche quando tutto pare perduto, si può ancora sperare in desideri di migliori libertà, in modi più dignitosi di abitare il mondo rispetto a quelli in cui, nostro malgrado, ci troviamo a vivere.

Questo è un breve passaggio della lettera con cui Fabrizio Masucci, dopo anni di onorato servizio, ha dato conto delle proprie dimissioni da direttore del museo: "se viene richiesto a un museo di rinunciare alla parità di trattamento per motivi che non possono che essere recepiti come strumentali, in quanto non connessi alla tipologia di spazio e attività, intendo pacatamente ricordare che i musei sono per loro vocazione luoghi di inclusione e che l’accesso paritario all’arte e alla cultura, diritto di tutti, dovrebbe essere sacrificato solo all’esito di ogni sforzo possibile volto a evitare una simile ferita. Mi auguro che le autorità competenti possano riconsiderare una decisione che coinvolge aspetti socioculturali di rilevante interesse collettivo, al fine di risparmiare almeno ai musei, riserva aurea di civiltà, lo scomodo ruolo di bersaglio delle intemperanze dell’arena mediatica. Ci sarebbero anzi le condizioni propizie per fare dei musei un sicuro “spazio neutro” in cui le persone, circondate dalla bellezza, possano ricominciare a conoscersi e riconoscersi, senza etichettarsi reciprocamente. Per la radicata cultura della legalità che ha sempre contraddistinto la nostra istituzione, a partire dal 6 agosto anche il Museo Cappella Sansevero, come è ovvio che sia, si adeguerà al rispetto delle regole previste dal DL n. 105 del 23 luglio 2021. In considerazione di quanto fin qui esposto, non posso però sottrarmi al più forte richiamo della mia coscienza, che mi induce a lasciare – dopo oltre dieci anni e mezzo – la presidenza e la direzione del Museo Cappella Sansevero. Spero che questa decisione venga intesa, qual è, come un semplice gesto di coerenza del mio giudizio e del mio sentire". Parole che devono essere meditate, quelle di Fabrizio Masucci. Parole che chiamano in causa non solo le istituzioni ma anche noi, nella nostra indeducibile singolarità e nel nostro rapporto con gli altri e con la società.

E leggendo il testo di Fabrizio Masucci pare di sentire quella magnifica musica, oggi così rara, che nel "Lachete" platonico si dice provenire dagli uomini coerenti, come Socrate, in cui parole e azioni si accordano magnificamente. E producono il suono amabile di una vita coerente ed equilibrata, in cui punto saldissimo è la fedeltà a se stessi e ai propri principi. Lo sappiamo: in ogni regime degno di questo nome, sono pochi o, comunque, non abbastanza quelli che hanno il coraggio e l'onestà di opporsi, di non prendere la tessera e di non piegarsi alle più folli ingiunzioni che provengono dall'alto. Sono, ovviamente, gli uomini più invisi al potere: e non solo perché non si inginocchiano davanti a chi comanda e ai suoi simboli, ma anche perché, con la loro limpida coerenza, mostrano in forma immediata la non innocente responsabilità e, spesso, la viltà di quanti invece si piegano e accettano l'inaccettabile, per convinzione radicata o per semplice quieto vivere. Uomini come Fabrizio Masucci ci ricordano che anche nel peggior regime si può essere liberi, se al regime ci si oppone e si rimane fedeli a se stessi. Il singolo che non si piega è l'incubo peggiore per l'ordine dominante: nel suo "no" fiero e risoluto risuonano splendidamente la libertà e la costanza di chi è disposto a perdere tutto, pur di non perdere se stesso.

È di uomini come Fabrizio Masucci che oggi l'umanità ha disperato bisogno, nell'attuale lungo inverno della democrazia e della libertà, nel tempo della notte che si fa sempre più buia. Con il suo gesto, al tempo stesso semplice ed eroico, Fabrizio Masucci ci ha ricordato che la notte in cui siamo dipende da noi, perché il buio è semplicemente quando tutti chiudono gli occhi.

Diego Fusaro (Torino 1983) insegna storia della filosofia presso lo IASSP di Milano (Istituto Alti Studi Strategici e Politici) ed è fondatore dell'associazione Interesse Nazionale (www.interessenazionale.net). Tra i suoi libri più fortunati, "Bentornato Marx!" (Bompiani 2009), "Il futuro è nostro" (Bompiani 2009), "Pensare altrimenti" (Einaudi 2017).

IMG 20180131 WA0000
 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    fabrizio masuccidirettore cappella sanseverogreen passdiego fusaro
    in evidenza
    "Un film che rimarrà nella storia" Ennio , intervista al produttore

    Esclusiva/ Parla Gianni Russo

    "Un film che rimarrà nella storia"
    Ennio, intervista al produttore

    i più visti
    in vetrina
    Cristina d'Avena in salsa piccante: "Sesso o cibo? Difficile scegliere"

    Cristina d'Avena in salsa piccante: "Sesso o cibo? Difficile scegliere"


    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes e Luminar insieme per accelerare sulla guida autonoma

    Mercedes e Luminar insieme per accelerare sulla guida autonoma


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.