A- A+
Home
Usa, accordo storico nel mondo del calcio americano

Usa, nel calcio uomini e donne sullo stesso piano 

Dopo anni di trattative e discussioni pochi giorni fa l’ American Soccer Federation ha firmato due accordi “storici” con le associazioni dei calciatori maschili e femminili. L’accordo prevede che entrambi i sessi ricevano stessi compensi ed equa distribuzione dei proventi per la partecipazione ad amichevoli, competizioni ufficiali, diritti televisivi, sponsorizzazioni e vendita di biglietti.

È evidente che questo accordo, vigente per il momento solo negli Usa, è una pietra miliare verso la parità di retribuzione nello sport. La presidente dell’ASF, Cindy Parlow Cone, ha dichiarato “Questo è un momento davvero storico. Gli accordi cambieranno per sempre lo sport qui negli Stati Uniti e potenzialmente anche nel resto del mondo”. Come tutti gli accordi sindacali importanti l’intesa è stata raggiunta dopo lunghi confronti tra le parti.

Si è trascinata per anni con proteste e sotto  la pressione di una causa per discriminazione salariale fatta all’ASF. Dopo sei anni di contenzioso, la Federazione si è accordata per un risarcimento di 24 milioni di dollari con le giocatrici per aver sistematicamente dato loro meno sostegno e denaro rispetto ai loro colleghi maschi. La vittoria in tribunale ha così aperto la strada all’accordo sulla parità di retribuzione.

Usa, divisione equa dei ricavi tra giocatori uomini e giocatrici

Le parti hanno deciso che l’accordo avrà ha una validità iniziale fino al 2028. Le due squadre si divideranno così i premi ottenuti nelle partecipazioni ad amichevoli, partite ufficiali e competizioni internazionali come, ad esempio, i prossimi Mondiali in Katar. E pure quelli della Coppa del Mondo femminile che si terrà invece nel 2023 in Australia e Nuova Zelanda. 

L'accordo si estende anche ai Campionati mondiali maschili e femminili del 2026 e del 2027 e comprende pure la parte di ricavi commerciali, sponsorizzazioni e diritti televisivi. Tutto sarà diviso a metà tra giocatori e giocatrici. La FIFA, l'ente che raggruppa il calcio mondiale, ottiene dai diritti televisivi, dalle sponsorizzazioni e dalla pubblicità per i mondiali maschili molti più introiti che per quelli femminili e paga alle Federazioni importi più alti per la partecipazione ai mondiali maschili che a quelli femminili. La Federazione degli Stati Uniti e le associazioni dei calciatori hanno deciso di correggere questa diseguaglianza.

Usa, dai ricavi il 10% alla Federazione e il 90% ai calciatori

I ricavi che le squadre maschili e femminili otterranno dai premi e dai proventi per la partecipazione ai Mondiali, indipendentemente dalla loro classifica, sarà condiviso e di quella cifra, il 10% andrà alla Federazione e il 90% ai calciatori di entrambe le squadre. Nei Mondiali 2026 e 2027 la Federazione manterrà il 20% e gli atleti l'80%. Se solo una delle due squadre parteciperà ad un torneo, avrà diritto al 70% degli introiti mentre il restante 30% andrà alla Federazione.

Il sistema di pagamento sarà dettagliato in base all'importanza e al risultato delle partite, ma dovrà essere applicato ugualmente a uomini e donne. Per giocare un'amichevole, verrà addebitato un minimo di 8.000 dollari, più un bonus fino a 10.000 a seconda del risultato e dell'importanza dell’avversario. Per le partite ufficiali, ci sarà un bonus minimo di 10.000 dollari fino a 14.000 a seconda della competizione e del risultato.

Inoltre i calciatori di entrambe le squadre avranno un piano pensionistico e un asilo nido per i bambini. Il calcio femminile degli Stati Uniti è uno sport molto seguito molto. La nazionale ha vinto gli ultimi due Mondiali, nel 2015 e nel 2019. Questi successi hanno creato le basi per arrivare a questo accordo che però, per il momento, rappresenta ancora un’eccezione.

Leggi anche: 

Timmermans attacca l'Eni: vietato pagare in rubli. Ma la verità è diversa

Governo, crolla tutto: crisi a giugno, elezioni tra fine settembre e ottobre

Prezzi, la crisi dura arriva nell’inverno 2023. La scelta suicida dell’Europa

Crisi energetica e sanzioni: la politica balbetta, mentre le aziende chiudono

Caso Rai Tg1 e crisi energetica, altro che società liquida: è un mondo di gas

Sassuolo-Milan, biglietti a 3000 euro. BOOKMAKERS: ECCO LE QUOTE SCUDETTO

Elettra Lamborghini: "Mi fa ridere Zalone, amo gli horror e a Only Fun..."

Cartabianca, maxi-rissa tra Orsini e Ruggieri (Fi): "Lei è un povero cretino". VIDEO

BPER Banca, continua il progetto benefico con FNOPI

Fondazione FS propone nuovi itinerari con "l’Arlecchino"

Al via la prima edizione dell'Innovation for Sustainability Summit 2022

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    calciatoridonnefifasocceruominiusa


    in evidenza
    Gelo e neve per tutto marzo (e oltre), primavera "pazza"

    Inverno continuo

    Gelo e neve per tutto marzo (e oltre), primavera "pazza"

    
    in vetrina
    Chiara Ferragni da Fazio: i meme più divertenti sull'intervista

    Chiara Ferragni da Fazio: i meme più divertenti sull'intervista


    motori
    Renault 5 Rivoluziona il Mercato EV, 50.000 nomi in lista d’attesa

    Renault 5 Rivoluziona il Mercato EV, 50.000 nomi in lista d’attesa

    Coffee Break

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.