I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Tv convergente
L'oasi allegra di Quelli che il calcio



Lunga vita a Quelli che il calcio. In un panorama domenicale fortemente ansiogeno, tra pensionati giustizieri della notte e accapigliamenti sui vitalizi dei politici, il varietà di Rai2 a partire da questa stagione è tornato agli antichi splendori. Dopo due edizioni praticamente anonime nelle quali il conduttore Nicola Savino si limitava a evocare il fantasma di Simona Ventura, dallo scorso settembre si è avuta un'intuizione geniale: l'ingaggio della Gialappa's Band, che dopo troppi anni di confino a Mai dire Grande Fratello nel cuore della notte rischiava di gettare alle ortiche una carriera basata su un'ironia e a un affiatamento fuori dal comune.

Da qui la rivoluzione: l'errabondo Savino ha finalmente trovato una sua identità come vittima del trio, i siparietti già riusciti di Lucia Ocone (le sue Marina Abramovich e Loretta Goggi sono semplicemente irresistibili) e Ubaldo Pantani  (stesso discorso di prima per Massimo Giletti, con Del Debbio si ride meno) rievocano le atmosfere anni '90 di Mai dire gol. Inoltre la devozione per il cult di Italia1 sopravvive ai decenni e riemerge nel 2015 sull'altra riva del fiume invitando in studio quello sfortunato signore che interruppe l'intervista al pilota di Formula 1 Mimmo Schiattarella chiedendo inopportunamente una modica quantità di organo riproduttivo femminile (qui per il video). Certo, è innegabile che a Rai2 piaccia vincere facile giocando la carta della nostalgia, ma nell'era del postmoderno è del tutto normale che il passato divenga il nostro presente, che non ci stanchiamo della metallica voce di Bruno Pizzul, delle (finte) televendite di Patrizia Rossetti.

E anche il racconto della contemporaneità laddove esiste è magistrale: in trasmissione sono spesso ospiti i giocatori dell'Afronapoli, squadra di calcio dilettantistica che tra le sue fila conta soprattutto immigrati gestiti da un allenatore definito "rompiscatole". L'effetto oltre a suscitare ilarità è quasi straniante, abituati atavicamente dalla televisione a considerare gli immigrati esclusivamente come un problema. Lunga vita a Quelli che il calcio.
 

Tags:
quelli che il calcio
in evidenza
Berardi ciliegina dello scudetto Leao deve 20 mln allo Sporting

Le mosse del Milan campione

Berardi ciliegina dello scudetto
Leao deve 20 mln allo Sporting

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
FIAT premia lo stile di guida ecosostenibile con la Nuova 500

FIAT premia lo stile di guida ecosostenibile con la Nuova 500


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.